Recensioni

Recensione | MotoGP 21

Impennata verso la prossima generazione

Ancora una volta, ci troviamo a parlare del leggendario studio italiano Milestone, responsabile di diversi videogiochi su licenza su famose categorie di corse, indipendentemente dal numero di ruote delle giostre. Forse una delle loro esperienze più soddisfacenti degli ultimi anni è stata la MotoGP 20, basata sulle categorie più alte delle gare motociclistiche mondiali, dalla Moto3 fino alla MotoGP. Dopo RIDE 4 e Monster Energy Supercross 4, MotoGP 21 diventa il terzo gioco di moto con licenza ad entrare a far parte della formazione della Serie X|S, con notevoli miglioramenti visivi e aggiunte. Vediamo se questa è una curva che possono percorrere senza intoppi o se è un lato alto verso la ghiaia.

Guarda la mia bici nuova di zecca!

Come qualcuno che ha dedicato molte ore a MotoGP 20, che nel momento in cui scrivo fa parte di Xbox Game Pass e Game Pass PC, è impossibile non notare quanto sia stato gestito bene il salto di nuova generazione. Mentre il titolo dell'anno scorso presenta semplicemente una risoluzione più alta per Xbox One X, MotoGP 21 presenta anche una versione Series X|S, ed è subito chiaro che si tratta di un vero affare. 60 fotogrammi al secondo fluidi come il burro su tutta la linea, uso davvero impressionante dell'HDR che rende gli effetti atmosferici e i cambiamenti diurni semplicemente stupendi, con in particolare le luci arancioni del tramonto in Qatar che mi hanno sorpreso per efficacia. Tutte le singole risorse sembrano anche drasticamente migliori di quanto non fossero nei giochi precedenti, e mentre ci sono ancora una manciata di elementi che sembrano meno rifiniti, come la fisica della moto dopo un incidente, l'avventura del franchise MotoGP nella nuova generazione di console è sicuramente soddisfacente . E c'è anche una modalità foto divertente e versatile per creare splendide foto delle nostre avventure ad alta velocità.

L'impatto visivo è decisamente positivo, soprattutto rispetto a MotoGP 20, mentre trovo il comparto audio più incostante. Mentre i commenti dettagliati disponibili in più lingue fanno davvero sentire come guardare una gara in TV, i suoni della bici vanno da precisi a stranamente odiosi e ripetitivi anche attraverso diverse marce e velocità, con un paio di casi in cui si interrompe del tutto. Ci sono diverse opzioni audio che mirano a capitalizzare i punti di forza dei sistemi stereo, surround e cuffie allo stesso modo, ma con alcuni dei campioni audio che non sono all'altezza, diventa un esercizio leggermente inutile. I suoni quasi simili a quelli di un'ape della Moto3 sono vicini alle moto reali, ma il loro numero di giri continua a sentirsi spento e la natura ripetitiva è diventata rapidamente un fastidio, spingendomi a modificare le impostazioni audio per abbassare almeno quella parte.

Rialzarsi dopo la caduta

Fortunatamente, MotoGP 21 non è solo un semplice aggiornamento grafico e del roster, una decisione che vari sviluppatori di giochi sportivi hanno optato durante questi tempi difficili della pandemia. Forse il cambiamento di gameplay più pubblicizzato e evidente è una gestione dei crash completamente rivoluzionata e francamente piuttosto innovativa. I piloti cadevano sempre dalla moto, ma ciò che normalmente accadrebbe in giochi del genere, incluso MotoGP 20, sono un paio di secondi di animazioni di rotolamento e crash, seguiti da un respawn da qualche parte lungo la pista. Mentre questa opzione è ancora disponibile, è stato introdotto un nuovo mini-gioco in cui il giocatore deve spostare il pilota usando la levetta del controller verso il veicolo colpito, riprenderlo e poi ricominciare da fermo, con le difficoltà di dover solitamente farlo dall'erba o dalla ghiaia. Mentre la parte a piedi sembra leggermente cruda e, francamente, un po' ingannevole, l'idea di penalità di tempo più grandi e le difficoltà di riavviare una bici potenzialmente danneggiata bloccata in un punto difficile è valida.

A proposito di punizioni, i fan della MotoGP sono consapevoli di una modifica relativamente recente ai regolamenti che ha aggiunto penalità sul giro lungo al potenziale elenco di punizioni che un pilota può ottenere per vari tipi di antisportività. Per chi non lo sapesse, questi sono speciali percorsi stretti segnalati su ogni pista in un'area specifica in cui un pilota deve servire un singolo passaggio, che di solito gli costa una manciata di secondi nella migliore delle ipotesi invece di un passaggio più devastante attraverso il pitstop o una penalità di tempo che viene scontata dopo la bandiera a scacchi. Questo è un altro elemento che è stato finalmente riportato nel videogioco ufficiale della MotoGP, e il sistema funziona esattamente come nella realtà: doppia penalità sul giro lungo per partenza anticipata, solo quella per tagli minori ripetuti o un singolo major, e presto.

Nomi, somiglianze e prestazioni riflettono tutti lo stato attuale di Moto3, Moto2 e MotoGP

Rookie Cup

Le penalità sono solo una delle tante cose che ora sono più leggibili nella nuova e migliorata UI del gioco. Oltre a distribuire i livelli sullo schermo delle trasmissioni TV di oggi relative a posizioni, tempi e giri, ci sono anche nuovi e pratici indicatori che mostrano quanti avvertimenti ha ricevuto un giocatore quando una punizione si avvicina o se il pilota deve scontare qualsiasi tipo di sanzione in un determinato periodo di tempo. Questo è abbinato a una selezione migliorata e più coerente di angoli di ripresa, da una varietà di visuali in terza persona ravvicinate e più lontane a diverse telecamere di bordo, insieme a nuovi ausili visivi per la guida che indicano le aree di penalità sul giro lungo o il punto suggerito della pista dove il ciclista dovrebbe bilanciare il peso e girare da un lato all'altro.

A proposito di aiuti, provenienti dal già grande MotoGP 20, Milestone sembra aver colpito tutte le note giuste nell'edizione '21 in termini di offrire a ogni tipo di giocatore la giusta esperienza. Un'ampia varietà di opzioni consente di rendere la moto estremamente fluida e lineare da guidare, anche per quanto riguarda la frenata automatica, i freni collegati in modo che i giocatori non debbano bilanciare manualmente l'anteriore e il posteriore, ai suddetti aiuti visivi e livelli di intelligenza artificiale che vanno da praticamente battibili bendati per girare velocemente come le loro controparti della vita reale. Proprio come l'anno scorso, ho trovato grandi soddisfazioni in una sorta di via di mezzo, che aiuta a mantenere la moto in pista con un controller di base ma mi costringe comunque a bilanciare il peso della moto e frenare in modo esperto, mentre salta in giro sui dossi e il posteriore si muove come un matto durante le accelerazioni in uscita di curva. Un'esperienza davvero esaltante, probabilmente il mio modello di guida preferito in un gioco di biciclette nella memoria recente.

L'esperienza di gioco può essere personalizzata in modo da soddisfare sia i principianti che gli esperti.

Divertimento per tutta la stagione

Naturalmente, tutte queste funzionalità possono essere ampiamente testate in una varietà di modalità di gioco classiche. Gare veloci, interi campionati personalizzati, prove a tempo, anche in multiplayer online fino a 22 giocatori (in più rispetto al limite di 20 giocatori della MotoGP degli anni '16), anche se a causa dei server offline prima del lancio non siamo stati in grado di testare questa funzionalità in particolare. Le regole sono sempre completamente personalizzabili, anche per quanto riguarda le qualifiche e la durata della gara, e forniscono tutte le piste che sono nel calendario 2021 come il Mugello o il Qatar, oltre a una manciata di circuiti classici non più nella rotazione della MotoGP reale come Laguna Seca.

E naturalmente, c'è anche una modalità carriera migliorata, che prende le basi della già solida modalità di MotoGP 20 e migliora le cose. I giocatori diventano manager di se stessi e in parte anche della squadra, poiché il pilota dovrà utilizzare le proprie risorse guadagnate duramente per reinvestire in personale sempre più competente, aggiornamenti della bici e così via, con poi il giocatore vero e proprio che deve testare il nuovo cambi sull'asfalto durante le sessioni di test prima di ogni gara. I giocatori possono iniziare la loro carriera dalla MotoGP o dalla Moto3, facendosi strada attraverso sponsorizzazioni, accordi con i produttori e aggiornamenti verso una carriera promettente nella classe più alta, a quel punto si possono persino creare squadre satellite nelle categorie inferiori per trovare giovani talenti e ottenere più soldi nel processo. E con tutte le licenze e i livelli di prestazione in atto, potresti persino assistere a interpretazioni virtuali di storie di vita reale, come lo scioccante debutto di Acosta in Moto3, le lotte di Valentino Rossi dopo decenni di gare di alto livello, o il ritorno di Marc Marquez dopo l'infortunio su un Honda instabile.

Uscire dalla scia di una bici e poi attaccarla con la massima velocità: non invecchia mai!

Riscrivere la cronologia

La modalità Storica del titolo dell'anno scorso è invece scomparsa, ma il suo contenuto principale no: ora è possibile utilizzare qualsiasi pilota, moto e circuito classico in qualsiasi modalità di gioco, senza bisogno di sbloccarli tramite carte tramite hard- crediti guadagnati in eventi appositamente progettati. Mentre c'è un'opzione che permette a tutte le moto di sentirsi ed esibirsi praticamente allo stesso modo, tenerla disabilitata mostra davvero la differenza di potenza del motore, stabilità e maneggevolezza generale delle varie epoche dei campionati motociclistici, e questo si riflette bene sul già ottimamente gestito consumo di carburante e pneumatici che può essere attivato e modificato in qualsiasi modalità. Un discreto compromesso, la modalità storica era un concetto valido ma anche un po' troppo duro.

Se i giocatori dovessero fare la propria carriera o almeno usare il loro pilota auto-creato, possono scegliere tra un'ampia varietà di look e, naturalmente, con tute, caschi e livree per biciclette ampiamente personalizzabili. Potrebbe non avere un creatore di personaggi simile a un gioco di ruolo o la sorprendente profondità dell'editor di livrea della serie Forza Horizon, ma con diverse opzioni e colori personalizzabili, è comunque abbastanza facile imporre il proprio stile a tutto, anche se non c'è abbastanza creatività libertà si spera in quanto consente principalmente di modificare gli stili esistenti.

MotoGP 21 è un gioco di corse sapientemente realizzato.

La corsa della nostra vita?

Ho ben poco di cui lamentarmi dell'ultimo tentativo di Milestone di emulare il mondo della MotoGP e le sue serie feeder. Il già fantastico gioco dell'anno scorso è stato ulteriormente migliorato, con grafica e prestazioni notevolmente migliorate sulle nuove console, diverse modifiche al gameplay e all'interfaccia utente e una manciata di nuove aggiunte. Il tanto esaltato controllo manuale su un pilota dopo una caduta non è così eccitante come speravamo, ma non ha molta importanza; MotoGP 21 è un'eccellente interpretazione di uno degli sport più veloci ed esilaranti del pianeta, dimostrandosi non solo uno dei grandi di tutti i tempi di Milestone, ma anche uno dei più bei giochi di ciclismo degli ultimi anni. I videogiochi MotoGP sono decisamente nelle mani giuste, ed è ora disponibile sulla famiglia di console Xbox One e su Xbox Series X|S.

Recensito ilXbox Series X
Disponibile suXbox One, Xbox Series X|S, PlayStation 4|5, Nintendo Switch, PC Windows
Data di uscitaAprile 22nd, 2021
CostruttoriMilestone Srl
Publisher Milestone Srl
Voto PEGI 3

MotoGP 21

69.99 EUR | 49.99 USD | 49.99 GBP
8.6

Risultato

8.6 / 10

Vantaggi

  • Grafica nitida e colorata
  • Perfetto sia per i principianti che per i veterani
  • Modello di guida molto soddisfacente
  • Grande modalità carriera

Svantaggi

  • Le nuove funzionalità di gioco non sono di grande impatto
  • Alcuni elementi sono leggermente meno lucidi

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Così controllare
Chiudi
Torna a pulsante in alto